POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PCT - giurisprudenza | 16 Maggio 2016

Forma telematica: se non è rispettata bisogna concedere nuovi termini

  Il deposito in cancelleria in modo difforme dalla modalità telematica non produce la inammissibilità dell'atto processuale, ove lo stesso abbia comunque raggiunto lo scopo, ma consente l'adozione d rimedi processuali e ordinamentali di natura diversa.

(Tribunale di Palermo, ordinanza del 10 maggio 2016)

 

Lo ha stabilito il Tribunale di Palermo con ordinanza del 10 maggio 2016.

Il caso. Contro il ricorso presentato dell’Avvocatura dello Stato, patrocinante dell’Assessorato al Territorio della regione Sicilia, nel contesto di un procedimento esecutivo, i creditori pignoratizi adducono, tra le altre cose, l’inammissibilità della domanda, perché depositata in cancelleria in modo difforme a quanto prescritto dall’art. 16 comma 1 del d.l. n. 179/2012; e la sua tardività, essendo decorsi i termini di riassunzione dalla data dell’effettiva conoscenza dell’evento interruttivo, consistente nel fallimento di un litisconsorte. 

La logica della flessibilità. Sull’inammissibilità della domanda in quanto non rispettosa della forma telematica, il Tribunale di Palermo afferma che «la norma che, nei procedimenti civili contenziosi, o di volontaria giurisdizione, innanzi al Tribunale fa obbligo alle parti già costituite del deposito degli atti processuali e dei documenti con modalità esclusivamente telematiche va letta e applicata secondo la logica della flessibilità». Secondo i giudici palermitani, infatti, la questione dell’obbligatorietà della forma «non può essere considerata al di fuori del sistema delle invalidità (artt. 156 e ss. c.p.c.) il quale esclude che possa procedersi a declaratoria di inammissibilità dell’atto processuale, ove l’atto abbia comunque raggiunto lo scopo cui è destinato». Nel caso in cui l’atto depositato contravvenga alla novella introdotta dall’art. 16 d.l. n. 179/2012 è più conforme alla ratio della norma ricorrere a rimedi processuali e ordinamentali di natura diversa, nel sistema dei valori processuali implicati, quale potrebbe essere la concessione di un nuovo termine.

(Fonte: www.ilprocessotelematico.it)