POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 01 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

contributo unificato | 15 Febbraio 2021

Posso chiedere il rimborso dell’erroneo versamento del contributo unificato con modalità telematica?

di La Redazione

Il Ministero della Giustizia, con circolare del Dipartimento per gli Affari di Giustizia del 9 febbraio 2021, ha risposto a diverse richieste di chiarimento in merito alla modalità di rimborso del contributo unificato pagato con modalità telematica.  

Diverse sono le richieste di chiarimento pervenute alla Direzione Generale degli affari interni del Dipartimento per gli Affari di Giustizia in merito alla modalità di rimborso del contributo unificato pagato con modalità telematica.

 

Presentazione dell’istanza

Con la circolare del 9 febbraio 2021, la Direzione Generale degli affari interni del Dipartimento per gli Affari di Giustizia ritiene ammissibile il deposito dell’istanza di rimborso del contributo unificato versato con modalità telematica anche con la medesima modalità laddove il rimborso riguardi un procedimento iscritto a ruolo al quale sia possibile riferire l’errato pagamento. L’istanza sarà quindi depositata nel fascicolo telematico al quale si riconduce il pagamento da rimborsare.

Nel diverso caso di istanza di rimborso per manca iscrizione a ruolo del procedimento, il Capo dell’ufficio dovrà individuare la struttura competente a ricevere l’istanza, oltre alle modalità di deposito della stessa.

 

Documentazione

L’istanza deve presentare in allegato la documentazione indicata dalla circolare del MEF n. 33 del 2007, compresa la copia di un documento di identità. Deve inoltre essere allegata anche la copia analogica della Ricevuta Telematica (RT) attestante l’avvenuto pagamento telematico del contributo unificato.

La DGSIA ha precisato l’importanza dell’operazione di “bruciatura” c.d. annullamento della Ricevuta Telematica per impedire ogni ulteriore utilizzo della medesima RT.

 

Riutilizzo

La DGSIA ha inoltre evidenziato la possibilità, alternativa al rimborso, di utilizzare la ricevuta di pagamento per l’iscrizione di un nuovo procedimento anche presso un ufficio giudiziario diverso. Infatti «gli applicativi già in uso agli uffici e le funzionalità di verifica dello stato di una RT disponibili sul Portale dei Servizi Telematici permettono al cancelliere di sapere se una data RT sia stata o meno già utilizzata. Pertanto non è previsa alcuna particolare modalità da parte del soggetto esterno per poter riutilizzare presso un ufficio giudiziario una RT che riporta come unità operativa un ufficio giudiziario – o un procedimento – differente». Sarà in tal caso il cancelliere a verificare che la RT sia ancora disponibile per l’utilizzo e procedere poi alla sua bruciatura dopo l’associazione ad un determinato procedimento.

 

Impossibilità di rimborso

L’Ufficio richiama e conferma le linee generali dettate dalla circolare n. 33 del 26 ottobre 2007 del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Viene dunque confermato che, nell’ipotesi di mancato deposito dell’atto introduttivo del giudizio a fronte del versamento eseguito presso le ricevitorie di generi di monopolio e valori bollati, si ritiene preclusa la possibilità di ottenere la restituzione della somma versata, stante l’impossibilità di individuare l’effettivo contribuente.

 

La circolare del Ministero della Giustizia è disponibile per gli abbonati al link sottostante.