POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PCT - giurisprudenza | 01 Giugno 2016

Ricorso telematico non leggibile per guasti alla rete e/o errori tecnici: inopponibile la tardività dell’invio

di Giulia Milizia

  La CEDU ha considerato una deroga all’equo processo quale diniego all’accesso alla giustizia respingere un ricorso spedito per via telematica (nella fattispecie via fax), nei termini di legge, la cui notifica e, quindi, il cui deposito non si sono perfezionati per guasti alla rete o per errori tecnici (carenza di carta, toner, macchina inceppata etc.). Non si può negare che la ricevuta di avvenuta trasmissione sia valida prova dell’invio.

  E’ quanto deciso dalla CEDU sez. IV nel caso Tence c. Slovenia (37242/14) del 31 maggio 2016. Sono palesi le analogie col nostro sistema giudiziario e che i principi di diritto enunciati in questa sentenza si applichino anche alle...

Qui il testo integrale della sentenza CEDU, sez. IV, caso Tence c. Slovenia, del 31 maggio 2016, n. 37242/14

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.