POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PAT - giurisprudenza | 16 Maggio 2018

Difensore allega il modulo di deposito sbagliato: errore scusabile se avvenuto nei primi mesi del PAT

È possibile la rimessione in termini per il deposito dell’atto di ricorso per motivi aggiunti se l’errore da parte del difensore si è verificato pochi mesi dopo l’avvio del PAT.

(TAR Lazio, sez. II, sentenza n. 4727/18; depositata il 30 aprile)

Lo ha stabilito il TAR Lazio con ordinanza n. 4727/18, depositata il 30 aprile.

La vicenda. Nel corso di un procedimento relativo all’annullamento di una determinazione dirigenziale, parte ricorrente ha chiesto la rimessione in termini per il deposito dei motivi aggiunti notificati.
Il difensore dell’Associazione ricorrente, infatti, aveva confidato del corretto perfezionamento nel deposito sulla base dell’oggetto del messaggio PEC ricevuto dopo il secondo tentativo effettuato e di essersi accorto soltanto inviando l’istanza di fissazione dell’udienza della mancanza nel fascicolo dei motivi depositati.

Errore scusabile. Il TAR Lazio ritiene che, nonostante il mancato deposito sia stato causato dall’allegazione alla PEC di un modulo riguardante un altro ricorso, deve considerarsi il fatto che il difensore non abbia rilevato l’errore confidando nell’oggetto della comunicazione di posta elettronica certificata che si riferiva all’avvenuta registrazione del deposito.
Pertanto, il Collegio, ravvisando nell’errore i requisiti della scusabilità (ex art. 37 c.p.a.) in quanto verificatosi a pochi mesi dall’avvio del PAT e, quindi, in una fase in cui deve ammettersi la mancanza di dimestichezza degli avvocati con le nuove modalità di gestione degli adempimenti processuali, ha accolto l’istanza di rimessione in termini per il deposito dei motivi aggiunti notificati.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)