POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 26 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Osservatorio Processo Telematico

PAT - giurisprudenza | 09 Febbraio 2018

Avviso di fissazione di udienza inviato a una PEC diversa da quella del difensore: sentenza annullata

Qualora l’avviso di fissazione dell’udienza pubblica sia stato notificato a un indirizzo PEC non corrispondente a quello effettivo del difensore deve ritenersi che la sentenza sia stata pronunciata in violazione dell’art. 71, comma 5, c.p.a., posto a presidio del diritto di difesa.  

(Consiglio di Stato, sez. V, sentenza n. 732/18; depositata il 5 febbraio)

Parte ricorrente ha presentato ricorso al Consiglio di Stato per la riforma della sentenza con cui il TAR Lazio l’aveva escluso dalla graduatoria finalizzata all’assegnazione di licenze per l’esercizio del servizio taxi, lamentando la mancata ricezione da parte dei suoi difensori dell’avviso di fissazione dell’udienza pubblica.

Indirizzo PEC. Poiché dalla documentazione depositata in giudizio è emerso che l’avviso di fissazione dell’udienza era stato effettivamente inviato a un indirizzo PEC non corrispondente a quello del difensore del ricorrente, il Consiglio di Stato ritiene che la sentenza sia stata pronunciata senza che i difensori avessero mai ricevuto notizia della fissazione dell’udienza, in violazione dell’art. 71, comma 5, d.lgs. n. 104/2010, posto a presidio del diritto di difesa (cfr. Cons. Stato, sez. VI, 28 luglio 2017, n. 3802; Cons. Stato, sez. V, 28 luglio 2014, n. 4019).
Dispone, pertanto, l’annullamento con rinvio della sentenza impugnata.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)