POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 01 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PPT - prassi | 13 Novembre 2018

Dall’Ordine di Milano un protocollo per il trattamento informatizzato degli atti processuali

L’Ordine degli Avvocati di Milano, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e la Camera Penale di Milano hanno sottoscritto un protocollo per il trattamento informatizzato degli atti processuali, così da consentire ai difensori la consultazione informatica dei fascicoli.  

Lo scorso 7 novembre l’Ordine degli Avvocati di Milano, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano e la Camera Penale di Milano hanno sottoscritto un Protocollo di intesa per il trattamento informatizzato atti processuali - T.I.A.P., volto a consentire ai difensori e alle parti private la consultazione informatica dei fascicoli ed il rilascio delle copie informatiche e cartacee richieste.
Visione del fascicolo informatico. Il documento spiega ai difensori che, una volta ricevuta la notifica dell’avviso ex art. 415-bis, artt. 408-411 c.p.p., possono recarsi presso l’Ufficio Consultazione Atti e presso l’Ufficio TIAP per consultare il fascicolo informatico.
La visione del fascicolo è subordinata: da un lato all’esibizione dell’avviso ex art. 415-bis, artt. 408 -411 c.p.p., notificato in qualità di difensore o parte privata, della nomina di difensore o sostituto processuale e di un documento di riconoscimento; dall'altro al possesso di una password, che viene rilasciata dall’Ufficio Consultazione Atti ed è valida per una sola sessione.
Richiesta di copia del fascicolo. I difensori possono ottenere copia del fascicolo su supporto informatico o cartaceo, richiedendola direttamente all’Ufficio Consultazione Atti oppure tramite posta elettronica all’indirizzo 451bis.procura.milano@giustizia.it.
I diritti potranno essere pagati tramite contrassegni in via telematica o attraverso il Portale Servizi Telematici.
Oneri in capo ai difensori del Foro milanese. Il Protocollo, inoltre, specifica che i difensori del Foro di Milano che depositino atti (ad es. memorie, istanze, documenti, fascicolo delle indagini difensive) relativi a procedimenti penali, contestualmente al deposito degli atti originali, devono consegnare presso le segreterie o inviare via mail (all’indirizzo del P.M. ufficiopmXXX.procura.milano@giustizia.it ) anche una copia digitale fedele in forma PDF.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)



Qui il protocollo d’intesa T.I.A.P. del 7 novembre 2018