POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PPT - giurisprudenza | 26 Ottobre 2018

Invio della richiesta di rinvio udienza tramite PEC: spetta al difensore accertarsi dell’avvenuto arrivo della mail

La richiesta di rinvio dell’udienza per legittimo impedimento, inviata tramite PEC in cancelleria, non è irricevibile o inammissibile, ma tale modalità comporta l’onere per la parte che si duole dell’omesso esame della propria istanza, di accertarsi del regolare arrivo della mail in cancelleria e del suo tempestivo inoltro al giudice procedente.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 48892/18; depositata il 25 ottobre)

Sul punto è tornata ad esprimersi la Corte di Cassazione con sentenza n. 48892/18; depositata il 25 ottobre.   Il caso. La Corte d’Appello, in riforma parziale della pronuncia di primo grado, riduceva la pena inflitta ad entrambe...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.