POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 01 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
Osservatorio Processo Telematico

PPT - prassi | 24 Ottobre 2018

Ministero della Giustizia: verso la digitalizzazione dei processi del Tribunale di Bari

Con un comunicato stampa diffuso il 23 ottobre, il Ministero della Giustizia ha illustrato le linee di azione che verranno seguite per giungere ad una gestione telematica dei processi nel Tribunale di Bari.  

Il Ministero della Giustizia, attraverso un comunicato stampa datato 23 ottobre 2018, informa che, grazie all’impegno della direzione generale del personale e della formazione e della Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati, si favorirà la gestione telematica dei processi del Tribunale di Bari.

 

Obiettivi. Gli obiettivi, condivisi in una riunione al Consiglio Giudiziario della Corte di Appello di Bari, sono molteplici: accelerare i tempi delle notifiche penali, favorire la ripresa dei processi penali sospesi, diffondere soluzioni informatiche e investire sulla formazione del personale per ridurre i tempi di attesa delle sentenze.

 

Come? Il punto di partenza è l’adozione del TIAP-document@ (Trattamento Informatico Atti Processuali), un applicativo che garantisce la gestione telematica del fascicolo con possibilità di integrare i contenuti nelle varie fasi processuali con atti, documenti e supporti multimediali.
Attraverso la scannerizzazione del cartaceo, si procede alla classificazione, alla codifica e all'indicizzazione del materiale con possibilità di ricerca, consultazione, esportazione e stampa di interi fascicoli così come di singoli atti.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 



Qui il comunicato stampa del Ministero della Giustizia del 23 ottobre 2018