POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Osservatorio Processo Telematico

PPT – legislazione | 20 Marzo 2017

Prosegue l’avvio delle comunicazioni telematiche nelle Procure

Sono stati pubblicati sulla G.U. n. 64 del 17 marzo 2017 i decreti del Ministero della Giustizia del 20 febbraio 2017 che dispongono l’avvio delle comunicazioni e notificazioni telematiche presso la Procura del Tribunale per i minorenni di Perugia, Trieste e Trento, oltre che presso l’Ufficio di sorveglianza di Mantova – settore penale. Sulla stessa Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto ministeriale del 3 marzo 2017 in materia di casellario giudiziale europeo.

Comunicazioni e notifiche telematiche. Con i decreti del Ministero della Giustizia del 20 febbraio 2017, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 17 marzo 2017 n. 64, è stato disposto l’avvio delle comunicazioni e notificazioni per via telematica presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Perugia, Trieste e Trento, oltre che presso l’Ufficio di sorveglianza di Mantova – settore penale.

Casellario giudiziale europeo. Il decreto del direttore generale della giustizia penale del 3 marzo 2017, pubblicato sulla medesima Gazzetta Ufficiale, disciplina invece le «regole procedurali di carattere tecnico operativo relative agli scambi tra gli Stati membri di informazioni estratte dai casellari giudiziali e per l’adeguamento del Sistema Informativo del Casellario, in relazione al casellario giudiziale europeo».
In particolare, il testo prevede che il SIC (sistema informativo automatizzato ex art. 2, comma 1, lett. q), d.P.R. n. 313/2002) interagisca con il sistema europeo di informazione sui casellati giudiziali che raccoglie e conserva i provvedimenti di condanna dai cittadini europei, ECRIS (European Criminal Record Information System). Vengono inoltre predisposte adeguate politiche di sicurezza, protezione dei dati e accesso al sistema da parte delle autorità abilitate.



Qui il decreto del Ministero della Giustizia del 20 febbraio 2017; in G.U. del 17 marzo 2017, n. 64

Qui il decreto del Ministero della Giustizia del 20 febbraio 2017; in G.U. del 17 marzo 2017, n. 64

Qui il decreto del Ministero della Giustizia del 3 marzo 2017; in G.U. del 17 marzo 2017, n. 64