POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 25 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

assegno di mantenimento | 21 Agosto 2020

Padre libero professionista: la contrazione reddituale derivante da Coronavirus giustifica la riduzione dell’assegno ai figli?

di La Redazione

Con ordinanza Presidenziale il Tribunale di Terni disposto la riduzione dell’assegno di mantenimento ai figli posto a carico del padre libero professionista che, a causa dell’emergenza sanitaria da covid-19, ha subito una drastica contrazione dei propri redditi.  

(Tribunale di Terni, sez. I Civile, sentenza depositata il 16 luglio 2020)

Nel giudizio di divorzio la moglie ha  chiesto al Tribunale di Terni l’aumento (da euro 350 a 400 mensili) dell’assegno di mantenimento per i figli a carico del marito, alla luce dei maggiori costi derivanti dalla necessità di essere aiutata nell’accompagnare i figli a scuola, non essendo supportata dall’ex marito nello svolgimento di tale attività. Il marito, parte resistente nel giudizio, ha avanzato richiesta  di  riduzione dell’assegno (da euro 350 a 150), dovendo sostenere i costi derivanti dal canone locazione della casa in cui si è trasferito a seguito dell’assegnazione alla moglie della casa familiare e avendo subito un’operazione che lo ha costretto ad interrompere l’attività di libero professionista. Inoltre, egli ha allegato le difficoltà economiche generate causate dalla pandemia, in conseguenza della quale si è verificata un’interruzione dell’attività lavorative e una contrazione del reddito.

 

Il Tribunale ha ritenuto documentati glia oneri sia per la spesa connessa al canone di locazione sia l’operazione chirurgica subita  allegati dal marito; inoltre, il Presidente,  rilevando che l’attività del padre consiste nella consulenza a  piccole aziende, che sono state quelle più colpite economicamente dalle conseguenze negative derivanti dell’emergenza sanitaria da COVID-19 ha ritenuto verosimile che , quale libero professionista, abbia subito una contrazione reddituale diversamente dalla moglie lavoratrice dipendente presso una Pubblica Amministrazione, e ha quindi disposto la ridurre ad euro 200 dell’assegno  perequativo posto a carico del padre per il mantenimento dei figli, riservando la possibilità di  rideterminazione dell’assegno qualora venga accertata la ripresa dei livelli reddituali del padre.

 

(Fonte: ilfamiliarista.it)