POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 25 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

decreto coronavirus | 12 Maggio 2020

COVID-19, la causa relativa al diritto di visita ai figli non ha quel carattere d’urgenza richiesto per la trattazione

di La Redazione, da ilfamiliarista.it

La sezione civile del Tribunale di Agrigento ha ritenuto che la causa relativa alla richiesta di risarcimento del danno presentata dall’ex moglie verso l’ex marito che non rispetta le prescrizioni relative al diritto/dovere di visita dei figli debba essere rinviata.  

(Tribunale di Agrigento, sez. Civile, decreto depositato il 29 marzo 2020)

Il Tribunale di Agrigento, adito ex art. 709-ter c.p.c. dall’ex moglie per ammonire e condannare l’ex marito al risarcimento dei danni poiché questi non si era attenuto alle prescrizioni relative al diritto/dovere di visita dei figli stabilite con precedente ordinanza, ha rilevato che l’art. 83 del dpcm n. 18/20202 ha disposto la sospensione di tutte le udienze civili fino al 15 aprile (data prorogata fino all’11 maggio 2020).
Inoltre, nella decisione i Giudici hanno rilevato che, ai sensi della Circolare organizzativa emanata dal Tribunale di Agrigento il 23 marzo 20202, devono essere tenute soltanto le udienze riguardanti gli alimenti e le obbligazioni alimentari derivanti da rapporti di famiglia, di parentela, di matrimonio o affinità, i procedimenti cautelari riguardanti la tutela dei diritti fondamentali della persona e quelli che produrrebbero pregiudizio alle parti se la loro trattazione fosse ritardata.

Chiarito questo, il Tribunale specifica che nel caso di specie il diritto di visita del padre è stato regolato con ordinanza alla quale questi deve attenersi. Inoltre, non rivestendo la richiesta di ammonimento e di condanna al risarcimento del danno quel carattere di urgenza richiesto, il Tribunale ha disposto il rinvio dell’udienza alla data che sarà comunicata alle parti.

 

(Fonte: ilfamiliarista.it)

 

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus