POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 07 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

assegno divorzile | 14 Gennaio 2020

L’ex moglie non perde l’assegno divorzile nonostante l’eredità ricevuta

di La Redazione

Vittoria parziale per l’ex marito, che è riuscito a ottenere un ‘taglio’ dell’assegno da versare ogni mese, passato da 550 euro a 350 euro. Impossibile, però, secondo i Giudici, ipotizzare addirittura una revoca totale del contributo in favore della ex. Ciò perché ella non è comunque autosufficiente dal punto di vista economico, avendo perso il lavoro, avendo un’età avanzata e dovendo anche badare alla madre.    

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 1, ordinanza n. 506/20; depositata il 14 gennaio)

L’eredità paterna e il beneficio derivante dall’assistenza fornita alla madre con lei convivente migliorano la posizione economica della donna e legittimano la pretesa dell’ex marito di vedere ridotto l’assegno divorzile...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.