POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

fecondazione assistita | 06 Agosto 2019

Coppia di donne: no alla rettifica dell’atto di nascita del figlio genetico di una di esse

di Katia Mascia - Avvocato Cassazionista

Si scontra con il principio di “tipicità” degli atti dello Stato civile e con il loro contenuto “vincolato” la domanda volta ad ottenere la rettifica dell’atto di nascita, attraverso la sostituzione della “maternità” e della “paternità” con l’indicazione generica di “genitore 1” e “genitore 2” ovvero con quella volta ad attribuire la stessa qualità di “madre”.  

(Tribunale di Agrigento, sez. Civile, decreto 15 maggio 2019)

Il caso. Nel 2018 ad Agrigento nasceva un bambino, frutto di una stabile relazione affettiva di due donne, le quali erano ricorse in Danimarca alla tecnica di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo. Un ovocita di una delle due signore...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.