POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

fecondazione assistita | 19 Giugno 2019

L’esclusione delle coppie omosessuali dalla PMA non viola la Costituzione

di La Redazione

Durante la camera di consiglio di ieri, la Corte Costituzionale ha deciso sulla questione di legittimità costituzionale della l. n. 40 del 2004 nella parte in cui vieta alle coppie omosessuali di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita.

La questione di legittimità costituzionale della l. n. 40/2004 è stata dichiarata non fondata.
Lo ha fatto sapere l’ufficio stampa della Consulta all’esito della camera di consiglio di ieri, in attesa del deposito delle motivazioni. La legge n. 40/2004, nella parte in cui vieta alle coppie omosessuali di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistite, non si pone dunque in contrasto con i principi costituzionali di cui agli artt. 2, 3, 31, comma 1, 32, comma 1, e 117 Cost. invocati dai giudici rimettenti. In particolare, con l’ordinanza dello scorso 2 luglio 2018, il Tribunale di Pordenone, chiamato a decidere sulla richiesta di una coppia di donne di poter accedere alle tecniche di PMA, che era stata loro preclusa da parte dell’Azienda Sanitaria locale, aveva sottolineato il potenziale contrasto della normativa impugnata con le norme costituzionali in quanto lesive dei diritti inviolabili della persona tra cui il diritto alla genitorialità e quello alla procreazione nell’ambito di un’unione civile legalmente riconosciuta dall’ordinamento italiano, nonché discriminatorie dei cittadini per il loro orientamento sessuale.
Non resta dunque che attendere il deposito della sentenza per conoscere le motivazioni della decisione.