POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

fecondazione assistita | 08 Maggio 2019

Coppia omoaffettiva con figli nati all'estero da maternità surrogata: esclusa la trascrizione all'anagrafe italiana dell'atto di filiazione

di La Redazione

Non può essere trascritto nei registri dello stato civile italiano il provvedimento di un Giudice straniero con cui è stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all'estero mediante il ricorso alla maternità surrogata ed un soggetto che non abbia con lo stesso alcun rapporto biologico (c.d. genitore d'intenzione).

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 12193/19; depositata l'8 maggio)

Il caso. Una coppia di due uomini, che aveva avuto due figli all'estero nati con la maternità surrogata, chiedeva la trascrizione all'anagrafe in Italia dell'atto di filiazione, riconosciuta nel paese straniero.

 

Esclusa la trascrizione all'anagrafe italiana dell'atto di filiazione di minori nati all’estero con maternità surrogata. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno rigettato la domanda di riconoscimento dell'efficacia del provvedimento del giudice straniero, riguardante due minori concepiti da uno dei componenti di una coppia omoaffettiva mediante il ricorso alla procreazione medicalmente assistita, con la collaborazione di due donne, una delle quali aveva messo a disposizione gli ovociti, mentre l'altra aveva provveduto alla gestazione.
I Giudici di legittimità hanno ritenuto che il riconoscimento del rapporto di filiazione con l'altro componente della coppia si ponga in contrasto con il divieto della surrogazione di maternità, previsto dall'art. 12, comma 6, l. n. 40/2004, ravvisando in tale disposizione un principio di ordine pubblico, posto a tutela della dignità della gestante e dell'istituto dell'adozione. Al riguardo, si legge nella sentenza in esame, che la compatibilità con l'ordine pubblico, richiesta ai fini del riconoscimento dagli artt. 64 e ss. l. n. 218/1995, dev'essere valutata alla stregua non solo dei principi fondamentali della Costituzione e di quelli consacrati nelle fonti internazionali e sovranazionali, ma anche del modo in cui gli stessi hanno trovato attuazione nella legislazione ordinaria, nonché' dell'interpretazione fornitane dalla giurisprudenza.

 

Tutela della gestante e dell'istituto dell'adozione. Infine, le Sezioni Unite hanno precisato che i valori tutelati da tale divieto, ritenuti dal legislatore prevalenti sull'interesse del minore, non escludono la possibilità di attribuire rilievo al rapporto genitoriale, mediante il ricorso ad altri strumenti giuridici, quali l'adozione in casi particolari, prevista dall'art. 44, comma 1, lett. d), legge n. 184/1983.

 

(Fonte: ilfamiliarista.it)