POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 23 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

minori | 09 Aprile 2019

Sottrazione internazionale di minori: quali sono le condizioni ostative al rimpatrio

di La Redazione

La Convenzione dell’Aja del 25 ottobre 1980 prevede che il giudice, pronunciandosi sulla domanda di rimpatrio del minore sottratto, debba accertare l’oggettivo allontanamento del minore dalla sua residenza abituale, la titolarità e l’esercizio effettivo del diritto di custodia da parte di chi denuncia la sottrazione, i possibili rischi fisici o psichici, ferma restando la necessità di considerare la volontà espressa dal minore stesso.  

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 9767/19; depositata l’8 aprile)

Così l’ordinanza della Corte di Cassazione n. 9767/19, depositata l’8 aprile.   Il caso. Il Tribunale di Palermo pronunciava la separazione giudiziale di due coniugi stabilendo, in conformità alla situazione di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.