POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

fecondazione assistita | 05 Luglio 2018

Esclusione delle coppie same sex dalla PMA: sollevata questione di legittimità costituzionale

Il Tribunale di Pordenone ha sollevato questione di legittimità costituzionale degli artt. 5 e 12 l. n. 40/2004 nella parte in cui permettono l’accesso alla PMA solo alle coppie di sesso diverso e sanzionano chiunque applichi le tecniche di fecondazione assistita a coppie dello stesso sesso.

(Tribunale di Pordenone, ordinanza 2 luglio 2018)

Il caso. Una coppia, dopo aver contratto unione civile, ha chiesto alla locale Azienda Sanitaria di accedere alle tecniche di PMA nell’ambito di un progetto di genitorialità condivisa. Il responsabile aveva loro opposto un rifiuto fondato sul dettato dell’art. 5 l. n. 40/2004 che prevede tra i requisiti soggettivi dell’accesso alle tecniche di “riproduzione assistita” solo quelle di sesso diverso. A fronte del rifiuto le due componenti l’unione civile hanno chiesto al Tribunale di ordinare, ex art. 700 c.p.c.  di ordinare all’Azienda Sanitaria  di consentire loro l’accesso alle tecniche di PMA, sollevando in via pregiudiziale questione di legittimità costituzionale.

Leso il diritto alla genitorialità e alla procreazione. Secondo il Tribunale, la questione di legittimità costituzionale nel caso in esame appare rilevante e non manifestamente infondata.
L’espresso divieto di ricorrere alla PMA previsto dall’art. 5 per le coppie same sex biologicamente compatibili con tale pratica e la relativa sanzione ex art. 12 l. n. 40/2004 appaiono effettivamente in contrasto con gli artt. 2, 3, 31, comma 1, 32, comma 1, e 117 Cost. in quanto:
- ledono diritti inviolabili della persona tra cui il diritto alla genitorialità e quello alla procreazione nell’ambito di un’unione civile legalmente riconosciuta dall’ordinamento italiano;
- discrimina i cittadini per il loro orientamento sessuale e le loro condizioni patrimoniali;
- non favorisce gli istituti destinati a proteggere la maternità;
- incide sulla salute psicofisica del genitore;
- introduce un irragionevole divieto basato su discriminazioni legate all’orientamento sessuale dei componenti la coppia.
Pertanto, poiché non risulta possibile un’interpretazione costituzionalmente orientata delle norme citate né una loro diretta disapplicazione, il Tribunale di Pordenone solleva questione di legittimità costituzionale degli artt. 5 e 12, comma 2, 9 e 10, l. n. 40/2004 per contrasto con gli artt. 2, 3, 31, comma 2, 32, comma 1, 117, comma 1, Cost. in relazione agli artt. 8 e 14 CEDU nella parte in cui, rispettivamente, limitano l’accesso alle tecniche di PMA alle sole coppie di sesso diverso e sanzionano chiunque applichi tali tecniche a coppie composte da soggetti dello stesso sesso.

(Fonte: ilfamiliarista.it)