POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 16 agosto 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

rapporti fra coniugi | 11 Maggio 2018

Matrimonio nullo per la Chiesa: niente mantenimento

Vittoria di un marito nella battaglia con la consorte. Decisivo il fatto che la pronuncia ecclesiastica sia divenuta efficace anche per lo Stato italiano. Ciò comporta la cessazione del vincolo coniugale, osservano i Giudici. Logica conseguenza è l’assenza del presupposto per il riconoscimento dell’assegno di mantenimento.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 11553/18; depositata l’11 maggio)

Se il matrimonio – celebrato in chiesa – è dichiarato nullo dal Tribunale ecclesiastico, viene meno il vincolo coniugale e con esso anche le decisioni economiche, relative al rapporto moglie-marito, fissate nella separazione pronunciata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.