Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

competenza | 18 Dicembre 2017

La “nuova” dimora del minore può considerarsi dimora abituale

Per la determinazione del giudice competente a decidere in ordine all’affidamento del minore, si ha riguardo, in concreto, alla dimora abituale di quest’ultimo al momento della proposizione della domanda, dovendosi tuttavia valutare la possibilità che tale dimora diventi l’effettivo e stabile centro di interessi del minore. 

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 30219/17; depositata il 15 dicembre)

Così la Corte di Cassazione con ordinanza n. 30219/17, depositata il 15 dicembre. Il caso. Il Tribunale di Bologna dichiarava con decreto la propria incompetenza territoriale relativamente alla domanda di affidamento di minore e rientro...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.