Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 dicembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

filiazione | 06 Dicembre 2017

L’opinione del minore, contraria al rimpatrio, forma il convincimento del Giudice in caso di sottrazione internazionale

di Alice Di Lallo - Avvocato

Alla opinione espressa dal minore, contraria al rimpatrio, può attribuirsi efficacia di elemento corroborante il convincimento del giudice in ordine alla sussistenza del pregiudizio psichico, quale causa autonoma e sufficiente di deroga al principio generale del rientro immediato del minore presso la di lui residenza abituale.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 29118/17; depositata il 5 dicembre)

Quanto sopra è stato ribadito dalla Corte di Cassazione con la pronuncia n. 29118/17, depositata in cancelleria il 5 dicembre, in tema di sottrazione internazionale di minore e, in particolare, della deroga al rimpatrio espressa e prevista all’art....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.