Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 24 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

assegno divorzile | 06 Novembre 2017

Ex moglie senza lavoro per occuparsi della famiglia: riconosciuto il diritto all’assegno divorzile

Il Tribunale di Milano ha riconosciuto il diritto dell’ex moglie, che aveva lasciato il lavoro diversi anni prima per occuparsi della famiglia, di ricevere l’assegno divorzile, confermando l’ammontare stabilito in sede di separazione per l’assegno di mantenimento.

(Tribunale di Milano, sez. IX Civile, sentenza n. 9868/17; depositata il 3 ottobre)

Il caso. Parte ricorrente ha chiesto al Tribunale di Milano di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto con la convenuta, ponendo a suo carico anche l’obbligo di corrispondere un assegno divorzile in suo favore, riducendone, però, l’ammontare rispetto a quanto statuito in sede di separazione per l’assegno di mantenimento.
Costituitasi in giudizio, parte convenuta ha chiesto, invece, un assegno divorzile di misura doppia rispetto a quanto già previsto in sede di separazione.

An. Il Tribunale di Milano, in applicazione del principio stabilito da Cass. 10 maggio 2017, n. 11504, ritiene sussistano i presupposti per riconoscere l’an del diritto della convenuta a vedersi corrispondere l’assegno divorzile poichè, alla luce della complessiva valutazione di tutti gli indici indicati dalla Suprema Corte nella sentenza citata, la stessa non può certo ritenersi economicamente indipendente, soprattutto in ragione della mancanza di un reddito da lavoro certo e stabile su cui fare affidamento e della ragionevole impossibilità oggettiva, data l’età, di poterselo procurare.

Quantum. Dal punto di vista del quantum, il Tribunale conferma la misura dell’assegno stabilita in sede di separazione ritenendola ancora idonea a consentire alla convenuta un’esistenza libera e dignitosa, considerate sia le capacità reddituali del ricorrente che, pur ridimensionate, restano significative, sia l’apporto personale dato dalla moglie alla conduzione familiare e la significativa durata del matrimonio.
Si deve, poi, valutare anche la diversa incidenza fiscale per le parti: per la beneficiaria, infatti, l’imposizione fiscale riduce l’importo effettivamente percepito rispetto alla misura stabilita mentre, invece, l’obbligato beneficia di una deduzione di pari entità dal proprio reddito complessivo.

(Fonte: ilfamiliarista.it)