Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 agosto 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

successioni | 19 Giugno 2017

La rinunzia all’eredità da parte del chiamato possessore di beni ereditari senza la previa erezione dell’inventario e la costante giurisprudenza della S. C. sul punto: in claris non fit interpretatio

di Franco Angeloni - Professore Ordinario di Diritto Civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Urbino

Il saggio, in considerazione della sua complessità e delle citazioni nello stesso contenute, può essere reso pienamente fruibile ai nostri lettori solo in formato PDF.

Nel saggio, che è consultabile cliccando sul link in calce al presente abstract, viene analizzata la giurisprudenza della S.C. relativa alla validità ed efficacia della rinunzia all’eredità, da parte del chiamato possessore di beni ereditari, entro il termine di tre mesi dall’apertura della successione o dalla notizia della delazione dell’eredità e senza il previo compimento dell’inventario.
L’autore individua i vari precedenti di giurisprudenza in materia sottoponendo ad attenta analisi (dall’entrata in vigore del vigente codice civile sino al corrente anno) le motivazioni delle varie decisioni, in modo da rendere fruibili al lettore le varie rationes decidendi della S.C.



Qui il testo completo