POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 febbraio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

adozione | 12 Giugno 2017

Prima la revoca dell’adottabilità, poi l’affido etero familiare, ma qual è la volontà del padre?

Revocato lo stato di adottabilità della minore, la Corte d’appello dispone l’attivazione di un progetto a sostegno della funzione genitoriale del padre tramite l’affido etero familiare della bambina, per una durata di circa due anni. L’ommessa indagine circa la reale volontà del padre di assumere il suo ruolo genitoriale fa sì, però, che i Magistrati del Palazzaccio cassino la sentenza oggetto del ricorso. 

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 14436/17; depositata il 9 giugno)

Così si è espresso il Collegio di legittimità con sentenza n. 14436/17 depositata il 9 giugno. Il caso. Lo stato di adottabilità della minore interessata veniva revocato dalla Corte d’appello di Torino. In particolare,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.