POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

divorzio | 07 Settembre 2016

Se la parte è malata di mente, il ricorso per divorzio deve esser presentato dal curatore speciale

di Alice Di Lallo - Avvocato

La mancata proposizione del ricorso per la cessazione degli effetti civili del matrimonio da parte di un curatore speciale a tal fine nominato e la proposizione di tale domanda da un tutore provvisorio o amministratore di sostegno rendono la domanda stessa improponibile.

(Tribunale di Caltanissetta, sez. Civile, sentenza del 13 giugno 2016)

Quanto sopra è stato affermato dal Tribunale di Caltanissetta nella sentenza resa il 18 maggio 2016 e pubblicata il 13 giugno 2016. Il caso. Due coniugi, di cui uno malato di mente, depositavano ricorso congiunto con cui chiedevano la cessazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.