POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

divorzio | 09 Maggio 2016

Convivente con la madre ma inserito nel mondo del lavoro: mantenimento paterno a rischio

  Fortemente in discussione il contributo che l’uomo ha dovuto versare sino ad oggi al figlio. Il giovane convive ancora con la madre, ma ha già trovato un’occupazione: poco plausibile, quindi, l’ipotesi del mancato raggiungimento della autosufficienze economica. Confermato, invece, l’assegno divorzile a favore dell’ex moglie, con un lavoro precario e affetta da una malattia rara.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 1, ordinanza n. 9365/16; depositata il 9 maggio)

  Lui pensionato, lei precaria e in condizioni fisiche precarie. Situazione difficile per entrambi gli ex coniugi, ma è giusto che l’uomo aiuti, seppur con un contributo minimo, la ex moglie. Discorso diverso, invece, per quanto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.