POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 03 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

negoziazione assistita | 25 Marzo 2015

Buone notizie per la negoziazione assistita familiare

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

Il tema della negoziazione assistita in materia familiare continua a far discutere in relazione ai molti profili che sin da subito sono apparsi problematici o rispetto ai quali sono stati creati problemi dall’interpretazioni ministeriali.

Modulo di trasmissione del CNF. Peraltro, proprio con riferimento a quanto avevamo segnalato nell’edizione del 23 marzo 2015 riguardo alla distinzione tra convenzione di negoziazione assistita e accordo che deve essere trasmesso (quest’ultimo sicuramente) all’Ufficiale di Stato civile, abbiamo notato che il CNF ha modificato il testo del modulo che ha messo a disposizione degli avvocati per la trasmissione dell’accordo (e non più soltanto della convenzione assistita) così accogliendo il nostro rilievo.
Nessun contributo unificato. Inoltre, il Ministero della Giustizia, con nota del 13 marzo 2015, n. 2309 ha chiarito (e ciò non guasta) due aspetti procedimentali di indubbio interesse per gli operatori e per le parti.
In primo luogo, ha chiarito che quando l’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita viene depositato presso la Procura della Repubblica al fine di ottenere l’autorizzazione o il nulla osta richiesto dalla legge, non è dovuto il pagamento del contributo unificato.
Ed infatti - osserva il Ministero - «nel procedimento di negoziazione assistita il procuratore della Repubblica svolge un’attività di controllo e verifica con caratteri di natura amministrativa in sintonia con lo spirito e la ratio della Legge che ha degiurisdizionalizzato la materia in oggetto».
E nessuna sospensione feriale. In secondo luogo, poi, ha chiarito che nel procedimento di negoziazione assistita non è applicabile la sospensione feriale dei termini processuali di cui all’art. 1, legge n. 742/1969 e succ. modif. in coerenza con la natura del procedimento non giurisdizionale.