POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 24 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

rapporti fra coniugi | 30 Dicembre 2014

Esce dal carcere e torna casa, ma è una scelta obbligata: nessuna riconciliazione con la moglie, divorzio confermato

Ufficiale e definitiva lo scioglimento del matrimonio della coppia, con buona pace della donna. Quest’ultima ha inutilmente sostenuto la tesi della riappacificazione, richiamando la convivenza sotto lo stesso tetto col marito. Tale condivisione della casa coniugale, peraltro temporanea, era frutto delle esigenze abitative dell’uomo, una volta uscito dal carcere.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 27386/14; depositata il 29 dicembre)

Dissolto definitivamente il vincolo matrimoniale, con buona pace della donna, che pure si era giocata la carta della riconciliazione. Che, però, viene ritenuta non dimostrata concretamente. Difatti, la presenza nella casa coniugale, da parte...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.