POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

cautele successorie | 30 Novembre 2012

Come fare prevalere l’astuzia del testatore sulle previsioni del legislatore

di Franco Angeloni - Professore Ordinario di Diritto Civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Urbino

Nel saggio «Il legato in sostituzione di legittima ‘rinforzato’», consultabile integralmente scaricando il pdf allegato, viene proposta una nuova cautela successoria diretta ad evitare che il legittimario onorato di un legato in sostituzione di legittima rinunzi al legato ed eserciti l’azione di riduzione per conseguire la propria porzione legittima.

Dopo avere illustrato gli inconvenienti dell’ordinario legato in sostituzione di legittima disciplinato dal vigente art. 551 c.c., esponiamo la cautela successoria da noi elaborata, che valorizza al massimo l’autonomia negoziale riconosciuta dall’ordinamento al testatore, facendo ricorso all’istituto dell’assegno divisionale qualificato disciplinato dall’art. 734 c.c., che rientra tra le deroghe che il legislatore consente al divieto di apporre pesi o condizioni alla legittima contemplato dall’art. 549 c.c..
Una nuova cautela successoria. In particolare, proponiamo di inserire nel testamento un assegno divisionale qualificato per l’eventualità che il legittimario onorato del legato in sostituzione di legittima rinunzi al legato ed eserciti l’azione di riduzione, per effetto del quale il legittimario si vedrà attribuiti, a titolo di divisione testamentaria, lo stesso bene o gli stessi beni che il testatore intendeva attribuirgli mediante il legato in sostituzione di legittima, con la possibilità, tuttavia, nel caso in cui il bene o i beni attribuiti con la divisione testamentaria siano di valore superiore a quello della porzione legittima, che il legittimario stesso debba ulteriormente corrispondere un conguaglio passivo in danaro.
Rinforzato il legato in sostituzione di legittima. Per effetto della cautela elaborata il legittimario sarà indotto a conseguire il legato, in quanto la sua rinunzia in funzione dell’esperimento dell’azione di riduzione gli consentirebbe di conseguire solo la porzione legittima, con il rischio di essere tenuto a pagare un conguaglio in danaro nel caso in cui il bene o i beni attribuiti allo stesso dal testatore in tale eventualità si rivelassero di valore superiore a quello della porzione legittima.
Il saggio, in considerazione della sua complessità e delle citazioni di dottrina e di giurisprudenza nello stesso contenute, può essere reso pienamente fruibile ai nostri lettori solo in formato PDF.



Qui il saggio integrale «Il legato in sostituzione di legittima ‘rinforzato’»