POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 26 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

assegno divorzile | 25 Maggio 2012

Richiesta di riduzione dell’assegno: non basta avere una nuova famiglia

di Vincenzo Floccari - Avvocato

  Se a fondamento dell’istanza rivolta ad ottenere la riduzione o la totale soppressione del diritto al contributo economico siano allegati sopravvenuti oneri familiari dell’obbligato, il giudice – ai fini dell’accoglimento della domanda – deve verificare se detta sopravvenienza determini un effettivo depauperamento delle sue sostanze. Di contro, ove sia dedotto il miglioramento delle condizioni economiche del beneficiario, il giudice deve verificare se l’ex coniuge, titolare del diritto all’assegno, abbia acquistato la disponibilità di mezzi adeguati (ossia idonei a renderlo autonomamente capace) senza necessità di integrazione, ad opera dell’obbligato, per assicurare un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 8222/12; depositata il 24 maggio)

  Lo afferma la Cassazione Civile nella sentenza n. 8222/12 depositata il 24 maggio. Il caso. Due coniugi divorziano e incombe sul marito l’obbligo di corrispondere alla moglie l’assegno divorzile. A distanza di alcuni anni il...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.