POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FAMIGLIA e SUCCESSIONI

Assegno di mantenimento | 21 Marzo 2012

L’intervento del figlio maggiorenne nella causa di separazione è legittimo

  Il ragazzo nell’udienza presidenziale chiede che il padre versi a lui o alla madre un contributo mensile per poter proseguire gli studi universitari, ma l’uomo sostiene che non abbia titolo per farlo nella causa dei genitori. La domanda è in realtà ammissibile è non c’è violazione dell’art. 105 c.p.c..

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 4296/12; depositata il 19 marzo)

    Il caso. Una donna propone ricorso per la separazione personale dal coniuge chiedendo che le venga riconosciuto un contributo per il proprio mantenimento e per quello dei figli con lei conviventi, uno minorenne e l’altro...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.