POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

immigrazione | 13 Agosto 2020

La Cassazione sui presupposti per il riconoscimento dello status di rifugiato

di La Redazione

La situazione socio-politica o normativa del Paese di provenienza può assumere rilievo, ai fini del riconoscimento dello status di rifugiato, soltanto se correlata alla specifica posizione del richiedente e al suo fondato timore di una persecuzione personale e diretta, in ragione dell’appartenenza ad un’etnia, associazione, credo politico o religioso, ovvero delle proprie tendenze e stili di vita, e quindi alla sua personale esposizione al rischio di specifiche misure sanzionatorie a danno della sua integrità psico-fisica.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 16967/20; depositata il 12 agosto)

Lo ha chiarito la Cassazione, con ordinanza n. 16967/20 depositata il 12 agosto.   Il Tribunale di Bari rigettava la domanda di riconoscimento dello status di rifugiato, della protezione sussidiaria e del permesso di soggiorno avanzata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.