POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

privacy | 03 Giugno 2020

Oblio, archivi online dei giornali e motori di ricerca

Tutte le fasi salienti fino a Cass. 19 maggio 2020 n. 9147/20

di Deborah Bianchi - Avvocato

Diritto all’oblio e archivi online dei giornali: il bilanciamento esige la deindicizzazione che salva la storia anche quando prevale il diritto alla privacy o meglio alla protezione dei dati.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 9147/20; depositata il 19 maggio)

A ribadirlo è l’ultimo arresto in materia della Corte di Cassazione – Cass. sez.1 civ., Ordinanza del 19 maggio 2020 n. 9147 – che ci consente di ripercorrere tutte le fasi salienti dell’argomento. Possiamo distinguere due fasi: la prima in cui oblio è diritto ad essere dimenticato (dimensione individuale); la seconda in cui oblio è diritto al controllo sull’attualità della propria identità digitale (dimensione sociale). Esiste infine una terza fase del diritto all’oblio ma non è contemplata dalla Cass. 9147/20 perchè attiene a fattispecie diverse da quella degli archivi online. L’abbiamo chiamata la fase dell’oblio-cancellazione e/o dell’oblio-opposizione sviluppantesi nella dimensione algoritmica del secondary use. Si tratta del nuovo corso del diritto all’oblio inaugurato dall’art. 17 e dall’art. 21 del GDPR 2016/679 nonchè avvalorato dalla Linee Guida dell’EDPB poste in consultazione pubblica il 2 dicembre 2019.