POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

impugnazioni | 30 Gennaio 2020

È possibile sollevare critiche alla consulenza tecnica d’ufficio per la prima volta nella comparsa conclusionale?

di Katia Mascia - Avvocato Cassazionista

È opportuno un intervento a Sezioni Unite della Corte di Cassazione, trattandosi di una questione di massima di particolare importanza, per stabilire se le osservazioni e le contestazioni alla consulenza tecnica d’ufficio possano essere sollevate per la prima volta in sede di comparsa conclusionale e se esse, una volta ritenute tardive in primo grado, possano essere proposte in appello, sottraendosi, come la consulenza tecnica di parte, alle preclusioni di cui all’art. 345 c.p.c..

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza interlocutoria n. 1990/20; depositata il 29 gennaio)

Il caso. Nel 2002 due persone convenivano in giudizio, dinanzi al Tribunale di Tivoli, due signore. Affermavano di aver acquistato una casa dalle convenute e sostenevano che le stesse avevano dolosamente nascosto l’assenza del certificato di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.