POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 16 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

impugnazioni | 06 Settembre 2019

Rito sommario di cognizione: attenzione al termine breve per l’appello

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

La sentenza della Cassazione n. 22241/19, depositata il 5 settembre, richiama l’avvocato a prestare particolare attenzione ai termini per impugnare: ed infatti, sempre più spesso, l’ordinamento prevede ipotesi in cui il termine breve per l’impugnazione non decorre soltanto dalla notificazione a cura della parte, ma anche dalla comunicazione.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile-1, ordinanza n. 22241/19; depositata il 5 settembre)

Ed è proprio questo quel che avviene nel rito sommario di cognizione dove l’art. 702-quater prevede che «l’ordinanza emessa ai sensi del sesto comma dell’articolo 702 ter produce gli effetti di cui all’art. 2909...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.