POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

PCT - prassi | 12 Giugno 2019

Dall’AgId chiarimenti sulla firma in formato CAdES e PAdES

di La Redazione

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha pubblicato un documento nel quale chiarisce alcuni aspetti sui formati di firma digitale CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file con estensione pdf).  

Linee guida sulle firme digitali. L’Agenzia per l’Italia Digitale, lo scorso 10 giugno, ha pubblicato un documento nel quale chiarisce alcune nozioni sui formati di firma digitale CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file con estensione pdf).
L’approfondimento si è reso necessario poiché, con la diffusione dell’uso dei documenti informatici, sono sempre più numerose le richieste di chiarimento sul corretto utilizzo della firma digitale, con particolare riferimento ai casi in cui sia necessario apporre più firme su un medesimo documento o in cui si intenda aggiungere dei dati dopo la sottoscrizione, ad esempio, allo scopo di riportare gli estremi della segnatura di protocollo di un documento spedito o ricevuto da una pubblica amministrazione.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 



Qui le linee guida dell’AgId del 10 giugno 2019