POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 23 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

immigrazione | 05 Aprile 2019

Scappa dal servizio militare e dalla guerra: riconosciuto lo status di rifugiato

di Attilio Ievolella

I Giudici del Tribunale di Palermo smentiscono la visione della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, che aveva respinto la domanda presentata da un cittadino originario dell’Ucraina. Decisiva la constatazione che l’uomo potrebbe essere costretto a compiere crimini di guerra, e avrebbe come alternativa solo il rifiuto di prestare servizio nell’esercito, rifiuto sanzionato però con una pena detentiva.  

(Tribunale di Palermo, sez. I Civile, decreto depositato il 5 marzo 2019)

Va riconosciuta protezione allo straniero che fugge dal proprio Paese per evitare il servizio militare quale ‘riservista’ e la guerra, che rifiuta perché «contrario all’uccisione di uomini». Per i Giudici del Tribunale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.