POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

notificazioni | 09 Novembre 2018

Notifica di atti giudiziari all’estero in assenza di traduzione nella lingua del destinatario

di Eleonora Mattioli

In tema di notificazione di atti giudiziari all’estero tra Stati membri dell’Unione europea, è onere del notificante dimostrare che l’atto sia redatto o accompagnato da una traduzione in una lingua compresa dal destinatario, oppure nella lingua ufficiale dello Stato di destinazione. Tale dimostrazione può essere fornita anche mediante l’attestazione rilasciata dall’ufficiale giudiziario italiano, che tuttavia, trattandosi di notificazione da perfezionarsi all’estero, non fa fede fino a querela di falso e può essere superata da prova contraria.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 28509/18; depositata l'8 novembre)

Sul tema la Corte di Cassazione, sez. III Civile, con sentenza n. 28509/18; depositata l’8 novembre, la quale prosegue sottolineando che, ove sia accertata la carenza, nella copia ricevuta presso altro Stato membro, della traduzione dell’atto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.