POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

disciplinare magistrati | 11 Settembre 2018

Assolto il magistrato dall’illecito disciplinare, se i ritardi risultano giustificati

di Eleonora Mattioli

E’ assolto dall’illecito disciplinare il magistrato - accusato di aver ritardato in modo grave e reiterato il compimento di atti relativi al proprio ufficio – se la valutazione della sua condotta non sia completa, ossia, sia incentrata sui soli presupposti della gravità e reiterazione dei ritardi, senza tener conto della presenza di cause giustificative. Nella specie, consistenti nell’abnorme carico di lavoro derivante dalla grave carenza di organico presso il Tribunale in questione.  

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 21975/18; depositata il 10 settembre)

A stabilirlo, la Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, con sentenza n. 21975/18 del 10 settembre.   Il caso. Gli Ermellini hanno accolto il ricorso di un magistrato, che il Consiglio Superiore della Magistratura aveva ritenuto responsabile...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.