POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 24 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

notificazioni | 10 Settembre 2018

Notifica a mezzo posta ufficialmente libera: in G.U. il decreto

Nella Gazzetta Ufficiale del 7 settembre 2018 è pubblicato l’atteso decreto per la liberalizzazione delle notificazioni a mezzo posta. In particolare il decreto disciplina le «procedure per il rilascio delle licenze individuali speciali per l’offerta al pubblico dei servizi di notificazione a mezzo posta di atti giudiziari e comunicazioni connesse e di violazione del codice della strada».  

In G.U. del 7 settembre 2018 è pubblicato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico recante le procedure per il rilascio delle licenze per l’offerta al pubblico dei servizi di notifica a mezzo posta di atti giudiziari e comunicazioni e di violazione del codice della strada.

 

Procedura per il rilascio. Con il decreto il Ministero della Sviluppo Economico attua la legge per la concorrenza del 2017, l. n. 124/2017, in particolare per la liberalizzazione dei servizi di notificazione a mezzo posta.
Il testo definisce la procedura e i requisiti ai fini del rilascio della licenzia individuale speciale, nonché gli obblighi per i soggetti titolari della licenza e le modalità di rinnovo di quest’ultima, oltre alla possibilità di cessione a terzi.
Nel dettaglio il decreto dispone che «la licenza speciale, sia in ambito nazionale che regionale, ha una validità non superiore a sei anni, ed è rinnovabile previa richiesta da presentare almeno novanta giorni prima della scadenza».
Infine il decreto dispone le procedure di diffida, sospensione, revoca e decadenza, oltre al contributo dovuto dal titolare di licenza speciale a titolo di rimborso delle spese sostenute dal Ministero.

 



Qui il decreto 19 luglio 2018 del MISE; in G.U. del 7 settembre 2018, n. 208