POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

procura alle liti | 03 Agosto 2018

Non c’è rappresentanza processuale senza rappresentanza sostanziale

di Miriam Marotta

La rappresentanza processuale, intesa quale potere di agire ovvero di resistere in giudizio per il dominus nonché di conferire, in suo nome, la procura al difensore, può essere attribuita ad un terzo solo congiuntamente alla rappresentanza sostanziale in ordine al rapporto poi dedotto in giudizio. Laddove la rappresentanza, in violazione di tale principio, sia stata attribuita con riferimento alla sola sfera processuale sarà da considerarsi invalida. Ciò comporta la conseguente invalidità della procura alle liti rilevabile in ogni stato e grado del giudizio.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 20432/18; depositata il 2 agosto)

È quanto stabilito dalla Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione con ordinanza n. 20432/18 depositata il 2 agosto. Il caso. Con ricorso depositato il 10.07.2014 l’avvocato S.N., in qualità di procuratore ad negotia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.