POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 16 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

giurisdizione | 12 Luglio 2018

Lo “scontro” tra CSM e Consiglio di Stato per i requisiti delle funzioni direttive di legittimità

Annullati dal Consiglio di Stato alcuni atti amministrativi emessi dal CSM in relazione al concorso per la funzione direttiva di presidente di sezione della Cassazione. Secondo Palazzo Spada alcuni indicatori attitudinali per l’accesso alla carica violavano la legge. Il CMS ricorre per cassazione denunciando l’eccesso di potere giurisdizionale del Giudice amministrativo. Le Sezioni Unite risolvono la controversia evidenziando i distinti poteri attribuiti ai due Consigli “in conflitto”.

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 18240/18; depositata l’11 luglio)

Sul tema le Sezioni Unite della Suprema Corte con sentenza n. 18240/18, depositata l’11 luglio. Il caso. Il TAR Lazio veniva chiamato ad esprimersi sul ricorso di un magistrato ordinario il quale, in qualità di sostituto procuratore...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.