POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 26 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

cartella esattoriale | 09 Febbraio 2018

L’intervento in una procedura già esistente non deve essere preceduto dalla notifica del precetto o della cartella di pagamento

di Alessandro Villa - Avvocato

In tema di espropriazione forzata, presupposto dell’intervento dei creditori nella procedura è l’esistenza di un titolo esecutivo, non la notificazione di esso né l’intimazione di un precetto.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 3021/18; depositata l’8 febbraio)

Ne consegue che è destituita di fondamento l’opposizione proposta dal debitore esecutato avverso l’intervento spiegato dall’agente di riscossione, in una procedura già esistente, non preceduta dalla notifica della cartella...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.