Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 16 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

notificazioni | 15 Dicembre 2017

La Cassazione mette un freno alle notificazioni effettuate in cancelleria

di Massimiliano Summa - Avvocato

In materia di notificazioni al difensore, a seguito dell’introduzione del domicilio digitale, corrispondente all’indirizzo PEC che ciascun avvocato ha indicato al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, previsto dall’art. 16-sexies del d.l. n. 179/2012 (convertito con modificazioni dalla l. n. 221/2012), come modificato dal d.l. n. 90/2014 (convertito con modificazioni dalla l. n. 114/2014), non è più possibile procedere – ai sensi dell’art. 82 del r.d. n. 37/1934 – alle comunicazioni o alle notificazioni presso la cancelleria dell’ufficio giudiziario innanzi al quale pende la lite, anche se il destinatario ha omesso di eleggere il domicilio nel comune in cui ha sede quest’ultimo, a meno che, oltre a tale omissione, non ricorra altresì la circostanza che l’indirizzo PEC non sia accessibile per cause imputabili al destinatario.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 30139/17; depositata il 14 dicembre)

Così la Cassazione con sentenza n. 30139/17, depositata il 14 dicembre. La fattispecie. Una compagnia di assicurazioni ha impugnato la sentenza del Tribunale di Torre Annunziata che, in accoglimento del gravame interposto da un automobilista...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.