POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 18 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

impugnazioni | 12 Dicembre 2017

Domanda nuova o domanda modificata? Si guardi al carattere ampliativo del thema decidendum

di Renato Savoia - Avvocato

La richiesta di applicazione della clausola contrattuale che prevede il criterio convenzionale di rivalutazione del capitale garantito non è diversa dalla domanda di condanna all'adempimento del contratto ex art.1453 c.c. formulata con la domanda monitoria: in entrambi i casi, infatti, rimane ferma l'originaria pretesa di pagamento del capitale garantito, a seguito dell'esercizio del diritto di riscatto esercitato da parte dell'assicurato.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 3, ordinanza n. 29619/17; depositata l’11 dicembre)

Così ha deciso la Sesta Sezione della Cassazione Civile, con l’ordinanza n. 29619/17, depositata l’11 dicembre. Il caso. Il Tribunale aveva revocato il decreto ingiuntivo emesso a favore di un assicurato che aveva richiesto il...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.