POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

onere probatorio | 10 Novembre 2017

Niente confessione, se il dichiarante non è legittimato ad agire nel rapporto controverso

di Eleonora Mattioli

L’art. 2731 c.c., nel prevedere che la confessione non sia efficace se non proviene da persona capace di disporre del diritto, equipara la confessione medesima ad un atto di disposizione, postulando pertanto che la dichiarazione provenga da persona che abbia la capacità e la legittimazione ad agire negozialmente in ordine al rapporto controverso.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 1, ordinanza n. 26623/17; depositata il 9 novembre)

La vicenda. E’ quanto chiarito dalla Corte di Cassazione, Sesta Sezione Civile, con ordinanza n. 26623/17 del 9 novembre, rigettando il ricorso di una donna che aveva convenuto in giudizio un Comune, onde sentir dichiarare illegittima e contraria...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.