Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 settembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

espulsione straniero | 12 Settembre 2017

Espulso lo straniero, decisiva la reiterata attività criminosa

La Cassazione ribadisce il principio secondo il quale per i ricorsi avverso i provvedimenti di espulsione ai sensi dell’art. 13, comma 2, lettera c), d.lgs. n. 286/98, il Giudice di Pace ha poteri pieni nel valutare l’oggettiva pericolosità sociale dello straniero, attraverso un esame globale della personalità del soggetto, così come emergente da tutte le manifestazioni sociali della sua vita.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 21099/17; depositata l’11 settembre)

Così ha deciso la Cassazione con l’ordinanza n. 21099/17, depositata l’11 settembre. Il caso. Il Giudice di Pace respingeva con ordinanza, l’opposizione del ricorrente avverso il secondo provvedimento di espulsione emesso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.