POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

impugnazioni | 11 Settembre 2017

No, «esposizione sommaria dei fatti della causa» non vuol dire fotocopiare gli atti del giudizio di merito

di Renato Savoia - Avvocato

Il difensore che redige il ricorso per cassazione deve procedere ad elaborare autonomamente una sintesi della vicenda fattuale e processuale selezionando i dati di fatto sostanziali e processuali rilevanti in funzione dei motivi di ricorso che intende formulare, in modo da consentire alla Corte di procedere poi lo scrutinio di tali motivi disponendo di un quadro chiaro e sintetico della vicenda processuale.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 20953/17; depositata l’8 settembre)

Così la Seconda Sezione della Cassazione Civile nella sentenza n. 20953/17, depositata il giorno 8 settembre 2017. Il caso. L'oggetto della causa decisa con la sentenza in commento era l'opposizione svolta avverso l'ordinanza-ingiunzione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.