POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

immigrazione | 18 Maggio 2017

Tutela minima in patria per la donna vittima di violenza domestica: protezione in Italia

Riprende vigore la richiesta di una cittadina marocchina, spaventata all’idea di tornare nel Paese di origine e di dover subire ancora abusi e violenze da parte dell’ex marito. Per i giudici è possibile il riconoscimento della protezione, se si dimostra che nello Stato della richiedente non sono previste efficaci sanzioni contro l’uomo.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 1, ordinanza n. 12333/17; depositata il 17 maggio)

È fuggita dal proprio Paese d’origine, il Marocco, a causa delle violenze domestiche subite ad opera dell’ex marito. E ora può sperare di ottenere protezione in Italia e provare cominciare una nuova vita (Cassazione, ordinanza...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.