POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

impugnazioni | 20 Dicembre 2016

L’omesso esame di una prova può tradursi in vizio di motivazione

di Francesca Valerio - Magistrato ordinario in tirocinio

Integra il vizio previsto dall’art. 360, n. 5, c.p.c. - nella formulazione risultante dalla modifica di cui all’art. 54 d.l. n. 83/2012, convertito dalla l. n. 134/2012 - l’omesso esame delle prove di un elemento essenziale del fatto costitutivo della domanda la cui esistenza risulti dal testo della sentenza impugnata.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 26100/16; depositata il 19 dicembre)

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella pronuncia n. 26100 del 19 dicembre 2016. Il caso. A seguito di un infortunio sul lavoro, un uomo si rivolgeva ad un avvocato al fine di farsi assistere per ottenere il riconoscimento della rendita vitalizia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.