POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 12 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

Legge Pinto | 07 Novembre 2016

Irragionevole durata del processo: in G.U. i modelli per l’equo indennizzo

Il decreto del Ministero della Giustizia dello scorso 28 ottobre, recante l’approvazione dei modelli di dichiarazione da rilasciare all’amministrazione debitrice per l’ottenimento delle somme liquidate a titolo di equa riparazione per la violazione del termine ragionevole del processo, è stato pubblicato sulla G.U. n. 258/2016 del 4 novembre.

I modelli di dichiarazione. Con la pubblicazione sulla G.U. n. 258/2016 del 4 novembre, vengono adottati i nuovi modelli di dichiarazione da rilasciare da parte del creditore all’amministrazione debitrice per le somme liquidate a titolo di equa riparazione per l’irragionevole durata del processo, approvati dal Ministero della Giustizia con decreto dello scorso 28 ottobre ai sensi dell’art. 5-sexies, comma 1, l. n. 89/2001 e al fine di consentire all'amministrazione debitrice di provvedere tempestivamente alla liquidazione delle somme dovute ai creditori, attesa anche la pluralità delle azioni giudiziarie intraprese dai creditori.

Quattro modelli. Il Ministero ha dunque approvato quattro distinti modelli di dichiarazione destinati a persone fisiche, persone giuridiche, avvocati antistatari ed eredi degli aventi diritto.
I modelli di dichiarazione, sottoscritti dal dichiarante, dovranno essere trasmessi con le modalità di cui agli artt. 38 d.P.R. n. 445/2000 e 65, d.lgs. n. 82/2005, con la relativa documentazione in allegato.
I creditori di provvedimenti notificati successivamente all’adozione del decreto dovranno dunque avvalersi della modulistica approvata dal Ministero della Giustizia, disponibile anche sul sito istituzionale del Ministero, in sostituzione della modulistica precedentemente pubblicata.



Qui il decreto 28 ottobre del Ministero della Giustizia; in G.U. n. 258/2016 del 4 novembre

Qui l’allegato al decreto